Al fine di rafforzare la competitività dei sistemi produttivi e sostenere le politiche di trasferimento tecnologico e di valorizzazione economica dei risultati del sistema della ricerca pubblica e privata, con decreto del Ministro dello sviluppo economico 6 marzo 2013 è stato istituito un nuovo regime di aiuto finalizzato a promuovere la nascita di nuove imprese nelle regioni Basilicata, Calabria, Campania, Puglia, Sardegna e Sicilia.

Il nuovo intervento è articolato in due misure:
· la prima misura (Titolo II del decreto) è finalizzata a promuovere, nelle regioni Basilicata, Calabria, Campania, Puglia, Sardegna e Sicilia, la nascita di nuove piccole imprese mediante la concessione di un contributo, a parziale copertura dei costi sostenuti dall’impresa nei primi quattro anni di vita (risorse finanziarie disponibili: 100 milioni di euro, a valere sulle “risorse liberate” rivenienti dal PON “Sviluppo Imprenditoriale Locale” FESR 2000-2006);
· la seconda misura (Titolo III del decreto) prevede, in attuazione dell’ “Azione integrata per la società dell’informazione” del PON “Ricerca e Competitività” FESR 2007-2013, la concessione di un contributo a fondo perduto a fronte della realizzazione di specifici programmi di investimento da parte di nuove piccole imprese operanti nei settori dell’economia digitale o delle tecnologie innovative nelle quattro regioni dell’Obiettivo Convergenza, Calabria, Campania, Puglia e Sicilia (risorse finanziarie disponibili: 90 milioni di euro, a valere sulle risorse del PON “Ricerca e Competitività” FESR 2007-2013 e sul Piano di Azione Coesione).

Scadenza: Le domande di agevolazione possono essere presentate a partire dal giorno 4 settembre 2013 ore 12.00. Lo sportello resterà aperto fino ad esaurimento delle risorse;